Il Web 2.0 e l'innovazione nella PA

"La vita è quello che ti succede mentre sei impegnato in altri progetti” (J.L.)

Posts Tagged ‘cooperazione applicativa

Frontend senza backend ….

with 4 comments


Ieri ho partecipato ad un evento organizzato dal Ministro Brunetta in cui è stato presentato il nuovo portale “Vivi facile”, un portale per facilitare l’accesso dei cittadini e delle aziende ai servizi in rete offerti dalla PA. Particolare enfasi è stata posta dal Ministro sull’uso diffuso degli SMS (attraverso i canali ussd) come sistema di informazione puntuale in un’ottica di “convergenza di tutti gli strumenti di dialogo e di comunicazione tra Pa e privati cittadini“. Come non essere d’accordo?

Ovviamente una visione del genere (quanti portali unici abbiamo visto in questi anni??) può avere successo solo se quello che sta “dietro le quinte” è fortemente e strutturalmente integrato, sennò ….. rischia di essere il solito portale web di smistamento o poco più ….

Ho provato a chiedere al Ministro se con il “nuovo CAD” si poteva sperare in una struttura più efficace per  far rispettare le regole di standardizzazione e di integrazione. La risposta è stata , più o meno, che  ….. dalla sua faccia si vede che non ha letto il nuovo CAD  e quindi …… ho provato a dirgli che l’avevo letto,  eccome! (quel poco che è stato pubblicato), ma non c’è stato niente da fare, è partito con la sua idea che provo a riassumere così: è necessario far “salire la domanda” così da spingere le amministrazioni ad integrarsi, a diventare virtuose, insomma  “costringerle” all’efficienza dalle richieste di servizi dei cittadini.

In un “paese normale” sarebbe un approccio un po’ assurdo e illogico. Ma qui da noi, dopo tanti anni di CAD e di SPC,  con le loro “regole” quasi mai rispettate, con le integrazioni tra i Sistemi Informativi della PA che stentano ancora a decollare, mi viene il dubbio che il Ministro con il suo pragmatismo potrebbe anche avere ragione.

Il dubbio però sparisce quasi subito, mi basta ripercorrere i grandi progetti di “integrazione” della PA di questi anni, caratterizzati troppo spesso da “trasferimenti massivi via FTP”, nastri magnetici che viaggiavano per corriere da un CED ad un altro, costose linee dedicate, doppie e triple autenticazioni ed infine il termine più abusato e oscuro: l’accesso alle banche dati! Insomma tutto tranne che una vera integrazione di processi attraverso la cooperazione applicativa.

No, non cambio opinione e continuo a preferire la strada del “paese normale” dove le regole, anche quelle tecniche, dovrebbero essere rispettare. Speriamo che il “nuovo CAD” sia più attrezzato e vincolante del precedente e non si limiti al solito elenco di sogni ma sappia risolvere i nodi di una standardizzazione strutturale così da evitare di dover ricorrere alle solite operazioni di “frontend senza backend” come rischia di essere questo simpatico ma ennesimo “portale unico”.

ps

Se vuoi vedere qualche commento in rete sul nuovo CAD dai una letta qui (Innovatori) ed anche qui  (Punto Informatico)

Annunci

Written by Pietro Monti

10 marzo 2010 at 1:35 AM

FORUM PA EXPO’09: uno speciale “Zoom Amministrare 2.0”

with one comment


forum_pa_expoQuest’anno il FORUM PA 2009 dedica un’intera sezione espositiva e congressuale ai servizi on line per i cittadini e al nuovo modo di concepire il servizio pubblico con uno speciale  Zoom Amministrare 2.0. 

Sono sicuro che non assisteremo, proprio su questo argomento, a passerelle rituali. ForumPA ci ha abituati a momenti alti ed importanti di riflessione ma forse, proprio sul 2.0, quest’anno sarà più difficile che riuscirà a farci portare a casa qualche elemento significativo di chiarezza. Le best practices ed il modo di presentarle saranno fondamentali.

Le idee, le riflessioni girano intorno ad una innovazione tecnologica nella PA tutta da cogliere, ambiguità da chiarire e prospettive sicuramente più che interessanti per la Pubblica Amministrazione che potrebbero consentire di accedere a strumenti innovativi, ridurre i costi e recuperare efficienza. Gli argomenti principali di riflessione sono i seguenti:

  • Creare portali di servizio realmente orientati al cittadino, progettati a partire dalla user experience con contenuti generati dagli utenti stessi;
  • convogliare i servizi di telecomunicazione su linee internet (VOIP), utilizzare la videoconferenza IP per comunicare meglio tra sedi diverse, utilizzare strumenti di messaggistica integrata, valorizzare la NetPresence;
  • ricorrere a soluzioni WEB 2.0. per avviare processi di coinvolgimento degli utenti, interazione orizzontale, inclusione sociale, produzione diffusa di contenuti e autogestione della qualità del dato. 

Leggi il seguito di questo post »

Written by Pietro Monti

18 febbraio 2009 at 1:15 PM